Piatto Istoriato in maiolica di Pesaro o Urbino, circa 1540-1545 | Lukacs & Donath
LUKACS & DONATH ANTICHITÀ DI GIAMPAOLO LUKACS VIA V. VENETO 183 - 00187 ROMA TEL. +39 06 482 1824
16086
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-16086,cookies-not-set,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-11.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive
 

Piatto Istoriato in maiolica di Pesaro o Urbino, circa 1540-1545

Categoria
Maioliche
Tipologia
Pesaro
Caratteristiche

Piatto Istoriato

Maiolica

Manifattura: Pesaro/Urbino

Epoca: 1540-45

Dimensioni: diametro, 28, 8 cm

Condizioni: lievi sbeccature al bordo esterno

Il piatto, dall’ampia tesa inclinata verso il centro, è decorato con la figura di Poseidone che emerge dalle acque trainato su una conchiglia da due pariglie di cavalli marini. Il dio dalla corporatura possente e la folta capigliatura con la destra brandisce un tridente che sembra voler scagliare di fronte a sé, mentre con la sinistra tiene le redini dei cavalli marini. La spalla sinistra è coperta da un ampio mantello giallo arancione che svolazza all’indietro per dare un affetto dinamico alla scena. In secondo piano dietro la figura del dio del mare s’innalza un grande scoglio coperto di vegetazione verde e arancione. Sullo sfondo il mare è placido e magistralmente reso con linee a correre che sconfinano nel sottile bordo giallo oltre la decorazione. Le nuvole nel cielo sia in basso, più arancioni, che in alto, più blu, sono vaghe e vaporose e anch’esse sconfinano oltre la decorazione. Il recto presenta uno spesso bordo giallo alle due estremità esterne della tesa e alla base del piede.

Confronti:

Per il soggetto di Nettuno trainato da cavalli marini nella produzione di Pesaro si veda: P. Berardi, L’antica Maiolica di Pesaro dal XIV al XVII secolo, 1984, p. 306 fig. 100; Un piatto con lo stesso soggetto è presente nella produzione di Urbino: Italienische Majolika, 1984, pp. 196-198.

A PESARO OR URBINO ISTORIATO PLATE REPRESENTING POSEIDON DRIVING HIS CHARRIOT, CIRCA 1540-1545