Venduto/Sold | Lukacs & Donath
LUKACS & DONATH ANTICHITÀ DI GIAMPAOLO LUKACS VIA V. VENETO 183 - 00187 ROMA TEL. +39 06 482 1824
15936
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-15936,cookies-not-set,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-11.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive
 

Venduto/Sold

Categoria
Oggetti d’Arte
Tipologia
Napoli
Caratteristiche

Figura di Pantalone

Manifattura: Real Fabbrica di Capodimonte
Epoca: 1745-50
Marca: nessuna
Modellatore: Giuseppe Gricci
Dimensioni: h. 22 cm.
Condizioni: piccole perdite di colore sul mantello

Posto su una base rocciosa questo Pantalone vestito di rosso con un mantello nero ha il busto piegato in avanti con la mano destra sul fianco che sostiene un fazzoletto. La testa è girata verso sinistra con lo sguardo rivolto verso l’alto mentre la mano sinistra è tenuta nascosta sotto il mantello dietro la schiena. Ai piedi Pantalone porta un baio di babbucce gialle; alla cirtura d’oro è fissata una piccola daga dal fodero verde chiaro ed il manico dorato. Il volto caratterizzato da una barba nera a punta è coperto da una grottesca maschera nera che lascia intravedere uno sguardo e un sorriso beffardi mentre il capo è coperto da una voluminosa cuffia nera. Come ipotizzato dalla dottoressa Angela Caròla-Perrotti l’ispirazione per questo soggetto sembra essere un’incisione di Jaques Callot realizzata tra il 1618 e il 1619 nella quale Pantalone nasconde la mano sotto il mantello allo stesso modo della figura di Gricci. Una figura di Pantalone simile a questa ma con il fodero della daga in oro e la barba grigia si trova oggi nella collezione Pflueger di New York, già collezione fratelli Luzzato, di Milano, e prima ancora nella collezione Otto Blohm, di Amburgo. Due esemplari in bianco sono conservati a Napoli rispettivamente al Museo Civico “ Gaetano Filangeri”, e al Museo Duca di Martina. Un modello in terracotta policroma attribuito a Gricci, già in collezione A. Torrè, è oggi in una raccolta privata a Napoli.

Confronti: l’esemplare policromo della collezione Pflueger è visibile in, R. Schmidt, Early European Porcelain As Collected by Otto Blohm, 1953, p. 283, tav. 112; G. Morazzoni e S. Levy, Le Porcellane Italiane, 1960, tav. 316 (collezione Luzzato); F. Stazzi, L’Arte della Ceramica: Capodimonte, 1972, p. 319; A. Caròla Perrotti in The Pflueger Collection a cura di H. Morley- Fletcher, 1993, pp. 16-17;
Per gli esemplari bianchi: A. Caròla Perrotti, in Civiltà del 700’ a Napoli, 1979, p. 115; A. Caròla Perrotti, Le Porcellane dei Borbone di Napoli Capodimonte e La Real Fabbrica Ferdinandea, 1986, p. 157-158; Per la terracotta policroma: Op.cit. A. Caròla-Perrotti, 1986, p. 158.