VENDUTO/SOLD | Lukacs & Donath
Filippo Tagliolini, scena galante in biscuit raffigurante una dama ed un gentiluomo con e segugio e putti
biscuit,filippo tagliolini, scena, gruppo, galante
15459
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-15459,cookies-not-set,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-11.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive
 

VENDUTO/SOLD

Categoria
Porcellane / Porcelain
Tipologia
Biscuit, Napoli
Caratteristiche

Filippo Tagliolini (Fogliano di Cascia1745 – Napoli1809)

Descrizione: inedito gruppo in Biscuit della Real Fabbrica Ferdinandea raffigurante una scena galante con putti potrebbe essere una delle prime opere del modellatore Filippo Tagliolini a Napoli dove arrivò nel 1780. La dama seduta su una roccia è riccamente vestita con abiti secondo la moda degli anni settanta/ottanta con un’alta parrucca à toupét tipica di quel periodo. Il Gentiluomo, più informale, con un’ampia redingote e un lungo giustacuore stretto in vita da una cintura con fibbia,sul capo porta una parrucca con una lunga treccia che scende sulla schiena ed un piccolo tricorno. Un grande gruppo in terracotta raffigurante una scena di genere e siglato F.T., già collezione Montemaggiori, presenta figure maschili e femminili molto simili a questo gruppo (Gonzales-Palacios 1988, figg. 73c,73d,73e,73f). Su retro della scena si trovano due puttini alati intenti a propiziare l’amore della coppia ed un cane da caccia. La base tonda è arricchita da un motivo a rilievo. Una base simile a questa è riscontrabile nei gruppi di Nesso e Dejanira  in porcellana dura(in collezione privata), e del Ratto d’Europa (museo di Capodimonte) anch’esso in porcellana dura ed entrambi datati alla seconda metà degli anni ottanta del diciottesimo secolo (Caròla-Perrotti 1986, n. 250-251).

Manifattura: Real Fabrica Ferdinandea, Napoli

Epoca: 1782-1785 circa

Dimensioni: h. 29cm

Condizioni: buone, alcuni falli di cottura, lievi restauri alle dita dei putti, due ali di putti  restaurate, coda del cane restaurata.

Note: A. Caròla-Perrotti, La Porcellana della Real Fabbrica Ferdinandea, Napoli 1978, pp.162-164; A. Caròla-Perrotti, Le Porcellane dei Borboni di Napoli: Capodimonte e Real Fabbrica Ferdinandea 1743-1806, Napoli 1986, pp. 324-325, schede n. 250-251; A. Caròla-Perrotti, I Biscuit della Real Fabbrica Ferdinandea (1773-1806). A. Gonzales-Palalcios, Lo scultore Filippo Tagliolini e La Porcellana di Napoli, Roma 1988, figg. 73g, 73d, 73e, 73f;  A. Caròla Perrotti, “Primi tentativi verso una storia comparata fre le porcellane e la vita culturale napoletana di fine ‘700” in Classici e d’Invenzione, Il Biscuit in Italia tra Rocailles e Neoclassicismo, a cura di Giampaolo Lukacs, Roma 2009, pp 8-9.

A FILIPPO TAGLIOLINI BISCUIT GROUP, NAPLES  CIRCA 1782-1785