Due bocce in maiolica, P. Lazzaro e A. Pantaleo, Palermo 1613 | Lukacs & Donath
LUKACS & DONATH ANTICHITÀ DI GIAMPAOLO LUKACS VIA V. VENETO 183 - 00187 ROMA TEL. +39 06 482 1824
15918
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-15918,cookies-not-set,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-11.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive
 

Due bocce in maiolica, P. Lazzaro e A. Pantaleo, Palermo 1613

Categoria
Maioliche
Tipologia
Palermo, sicilia
Caratteristiche

Descrizione: Queste due bocce in maiolica policroma sono decorate sul recto con due figure di santi entro ampie riserve ovali con cornici a ovoli. All’intorno sono dipinti trofei e girali di acanto in vari ordini e divisi in scomparti geometici, su fondo blu, verde e arancione. Alla base della decorazione si trova la tipica treccia palermitana in giallo su fondo blu.  Il collo rastremato e alto, è decorato con viticci a larghe foglie intrecciate. Sul verso delle due bocce sono presenti le iscrizioni “SPQP” per Senatus PopulusQue Panormitanus,  “Paulo Lazarus”,”Andreas Pantaleo” e la data 1613. La peculiarità di queste due bocce è quella di portare due firme distinte di entrambi i maestri. È stato già supposto da Piccini che ad eccezione di Girolamo gli altri membri della famiglia Lazzaro non fossero pittori ma solo formatori e che si avvalessero di abili  pittori come Andrea Pantaleo per la decorazione, come questa coppia di bocce confermerebbe; rara è anche la firma di Paolo Lazzaro, l’ultimo figulo della bottega dei Lazzaro attivo da solo a Palermo dopo il 1609 anno in cui il fratello Cono lasciò definitivamente l’attività e gli vendette le sue attrezzature.

Manifattura: Paolo Lazzaro formatore, Andrea Pantaleo pittore

Epoca: 1617

Dimensioni: h.  cm 39

Stato di conservazione: qualche  lieve perdita di smalto alle estremità, due incrinature sopra la base di una delle due

Bibliografia: Cfr. A. Ragona, “ La Maiolica Siciliana”, Palermo 1975, n. 100-101, pp. 346.