Coppia di figure di cacciatori in porcellana di Vienna, circa 1770-1780 | Lukacs & Donath
LUKACS & DONATH ANTICHITÀ DI GIAMPAOLO LUKACS VIA V. VENETO 183 - 00187 ROMA TEL. +39 06 482 1824
16081
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-16081,cookies-not-set,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-11.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive
 

Coppia di figure di cacciatori in porcellana di Vienna, circa 1770-1780

Categoria
Porcellane / Porcelain
Tipologia
Vienna
Caratteristiche

Descrizione: questa rara coppia di figure di un cacciatore e una cacciatrice prende ispirazione dalla omonima coppia di figure prodotte a Meissen su modello di Johann Friedrich Eberlein realizzata già intorno ai primi anni quaranta del diciottesimo secolo. A distinguere maggiormente queste due figure dalla produzione sassone è la cromia più tenue e delicata tipica non solo della manifattura viennese ma anche di un gusto rococò che va perdendo i contrasti barocchi in favore di un’ idealizzazione arcadica del mondo agreste che ha il suo culmine proprio negli anni settanta e ottanta del secolo e che incontra il primo neoclassicismo. Il cacciatore  dal viso sereno e con il capo coperto da una parrucca bianca, indossa redingote e braghe verde chiaro sopra un panciotto crema fermato in vita da un cinturone turchino bordato in oro che richiama il bavero e i polsini. Le gambe sono fasciate da alte ghette bianche sopra a scarpe nere. l’uomo sul fianco destro poggia un tricorno nero  mentre  con la sinistra tiene il fucile color nocciola a mo’ di bastone. Dietro di lui si trova un cane da caccia bianco a macchie nere in una posa del tutto simile al cane di Eberlein. La Cacciatrice con il fucile marrone chiaro poggiato sulla spalla destra  e la fiasca per la polvere da sparo nella sinistra ha lo sguardo fiero e hai capelli incipriati di bianco. Al collo porta un piccolo papillon nero ed è vestita in gran profusione di colori: la giacca rosa bordata in oro e verde chiaro, un corpetto turchino anch’esso bordato in oro terminante in una larga gonna giallo pallido con un motivo geometrico porpora e scarpette rosa con fiocchi verdi. Ai suoi piedi si trova un cagnolino bianco e fulvo impennato su due zampe. La Base di entrambe le figure è bianca con un fregio ad onda in oro.

Manifattura: Manifattura Imperiale di Vienna

Epoca: 1770-1780 circa

Marca: scudo austriaco sotto la base

Dimensioni: h. 21 cm circa

Stato di conservazione: la coda del cane del cacciatore restaurata

Letteratura: Per due figure simili si veda, W. Mrazek, W. Neuwirth, “Wiener Porzellan 1718-1864” Vienna 1971; per due figure di cacciatori della manifattura di Meissen, E. Pauls-Eisenbeiss, German Porcelain of the 18th century, 1972, pp. 184-185;

A PAIR OF VIENNESE PORCELAIN FIGURES OF A HUNTER AND A HUNTRESS, CIRCA 1770-1780