Aurelio Anselmo Grue, la predicazione del Battista, secondo quarto XVIII secolo | Lukacs & Donath
LUKACS & DONATH ANTICHITÀ DI GIAMPAOLO LUKACS VIA V. VENETO 183 - 00187 ROMA TEL. +39 06 482 1824
16101
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-16101,cookies-not-set,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-11.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive
 

Aurelio Anselmo Grue, la predicazione del Battista, secondo quarto XVIII secolo

Categoria
Maioliche
Caratteristiche

Descrizione: La grande placca in maiolica è decorata con una scena di carattere religioso ed è sprovvista dell’usuale cornice in giallo ocra sul bordo della superficie dipinta. Sulla sinistra è raffigurato San Giovanni Battista sopra un argine che predica  vestito di stracci e appoggiato ad un bastone. Sul lato opposto, si trova una schiera di figure maschili e femminili vestite con abiti alla turca, in primo piano è dipinto un uomo seduto con turbante bianco e abito giallo ocra ed intorno a lui alcuni personaggi riccamente vestiti. La caratteristica tonalità di base azzurro-grigiastra e i forti contrasti  di colore tra le figure in primo piano e le figure sullo sfondo, distingue questa placca dagli altri istoriati castellani e permette un’attribuzione alla mano di Aurelio Anselmo Grue, figlio di Carlo Antonio.  Dopo la morte del padre nel 1723, Aurelio si trasferì ad Atri dove visse e lavorò talvolta coadiuvato dal fratello Liborio fino alla morte avvenuta dopo il 1751.

Manifattura:  Atri o Castelli d’ Abruzzo

Autore: Aurelio Anselmo Grue

Epoca: secondo quarto del XVIII secolo

Dimensioni: h. cm 30.3 l. cm 40

Stato di conservazione: un foro nella parte superiore della placca e qualche minima perdita di smalto ai bordi.

Confronti: per delle altre opere attribuite ad Aurelio Anselmo si veda C. Fiocco, G. Gherardi e G. Matricardi, Capolavori della Maiolica Castellana dal Cinquecento al Terzo Fuoco, La collezione Matricardi, Teramo 2012, p. 186-188.